Skip to content

La (buona) scuola e l’attimo fuggente. Giancarlo Patrucco.

16 marzo 2015
tags:

Ecco alcune riflessioni su Labuonascuola e sulla buona scuola, pubblicate su Città Futura on line Alessandria.
Giancarlo Patrucco

Finalmente il disegno di legge sulla riforma della scuola è stato licenziato dal Consiglio dei Ministri e sta per approdare alle Camere. Dopo aver seguito le proposte de “La Buona Scuola”, le risposte fornite dalle Direzioni Regionali, i pareri di organizzazioni di categoria, associazioni, tavoli di confronto, singoli e gruppi sui social network, finalmente abbiamo una stesura definitiva della proposta di Governo e, finalmente, possiamo esprimerci sulle intenzioni reali, anche se al lordo della discussione in Parlamento.

Osserverò subito, in via preliminare, che questa non è – come comunemente si dice – una riforma della scuola nel suo complesso. E’ una riforma che mira essenzialmente alla scuola secondaria. In particolare, a quella superiore. Chiunque abbia la pazienza di leggere la montagna di documenti prodotti, o anche solo il ddl, se ne renderà facilmente conto. La materna e la primaria c’entrano di sguincio, quando si affrontano i temi legati al reclutamento e allo sviluppo di carriera dei docenti. D’altronde, nel denunciare esplicitamente l’interesse del Governo nei confronti del settore secondario superiore, si legge in controluce anche l’interesse a rendere più “competitivo” il Paese proprio nel cruciale momento di passaggio tra la formazione scolastica terminale e l’avviamento al lavoro che dovrebbe, armonicamente, farvi seguito. Preoccupazione lodevole, ovviamente, visti i tempi grami da cui si vorrebbe uscire al più presto e visto il ranking Ocse che ci posiziona piuttosto in basso, con riferimento soprattutto agli istituti tecnico-industriali e alla formazione professionale.

Individuato il nucleo centrale del provvedimento ed esaminate le proposte di correzione – si spera migliorative – pare invece più complicato capire qual è stato il ragionamento in termini di formazione, metodologia e didattica, che a quel provvedimento è sotteso. Insomma, quale visione generale ha il Governo oggi della nostra scuola secondaria superiore? Quali elementi di criticità rileva nel rapporto alunni-docenti e nel rapporto che tutti hanno dall’impatto col mondo reale, quello che sta fuori e che viaggia a velocità supersoniche? Basterà offrire incentivi agli insegnanti meritevoli, aumentare il potere dei dirigenti scolastici, aggiungere qualche disciplina al curricolo per raggiungere gli obiettivi e ottenere dei risultati?

Temo di no e vorrei provare a dimostrarlo.

Siamo in una fase storica che non ha eguali. La nostra evoluzione dall’homo sapiens, per secoli e secoli, è stata basata essenzialmente dal modo con cui lavora la nostra mente. Non ho qui lo spazio sufficiente per addentrarmi quanto vorrei nella questione. Mi limito, dunque, a riassumerne i passaggi fondamentali per i soli titoli della procedura: individuare – esaminare – analizzare – comparare – catalogare – selezionare – riassumere. Questo è stato ed è prevalentemente il nostro modo di procedere nella conoscenza del mondo e quello del riassumere per la divulgazione è stato il modo attraverso cui si sono formate le nuove generazioni quando il nostro sapere ha cominciato a rivelarsi troppo complesso per il solo apprendimento attraverso l’esperienza diretta.

Ma la complessità ci ha preso la mano. Nel breve volgere di meno di un secolo, abbiamo sommato conoscenze incomparabilmente superiori a quelle di tutto il periodo precedente e la tecnologia si è prontamente adeguata, fornendoci strumenti sempre più sofisticati, in grado di portarci in casa o di posarci sul palmo della mano una mole di notizie, informazioni, indicazioni, ragguagli, commenti, che sono lì, a portata di clic, immergendoci in un villaggio globale dove diventa sempre più difficile separare i fatti dalle notizie, le notizie dai commenti, i commenti dalle falsificazioni, dalle affabulazioni, dagli stravolgimenti e dalle manipolazioni di chi questi strumenti li usa senza arte né parte, oppure con lucida finalità di perseguire interessi neanche troppo nascosti.

Non è che, in precedenza, il nostro universo di conoscenze fosse immoto. Ci sono stati precursori che lo hanno scompaginato totalmente, così come altri hanno proceduto a rivoluzionarne singoli segmenti, allargando i confini dello scibile con le loro intuizioni, la loro fantasia, la forza di una mente superiore a quella degli altri. Ma c’era sempre tempo per assimilare i cambiamenti, per introiettare idee nuove, per rivedere i cataloghi e fare spazio ai contenuti sopraggiunti.

Ora, questo tempo non c’è più e questo spazio, spesso virtuale, è lasciato alla codifica di ognuno di noi. Potete capire quali conseguenze comporti tutto ciò sulla scuola, specialmente quella superiore, il luogo della formazione delle giovani generazioni per antonomasia. Da una parte, abbiamo una gioventù saturata dai nuovi mezzi, che sa di doverci convivere ma non possiede le capacità e le competenze necessarie a controllarli e, quindi, finisce per subirne gli effetti, illudendosi che saper gestire il mezzo equivalga a padroneggiarne i contenuti. Dall’altra, abbiamo una generazione di docenti formata alla vecchia maniera, che in qualche caso rinuncia, in qualche caso si lascia travolgere oppure combatte una battaglia strenua senza avere gli strumenti, la formazione e neanche un riconoscimento sociale adeguato all’immane compito che sta affrontando.

L’attimo fuggente è un film del 1989, con Robin Williams. Vi ricorderete senz’altro la scena finale, con i ragazzi che salgono sui banchi e salutano il loro professore al grido di: “O capitano! Mio capitano!”
Ecco. Quell’attimo è sempre fuggente. Ora più che mai.

ompetenze necessarie a controllarli e, quindi, finisce per subirne gli effetti, illudendosi che saper gestire il mezzo equivalga a padroneggiarne i contenuti. Dall’altra, abbiamo una generazione di docenti formata alla vecchia maniera, che in qualche caso rinuncia, in qualche caso si lascia travolgere oppure combatte una battaglia strenua senza avere gli strumenti, la formazione e neanche un riconoscimento sociale adeguato all’immane compito che sta affrontando.

L’attimo fuggente è un film del 1989, con Robin Williams. Vi ricorderete senz’altro la scena finale, con i ragazzi che salgono sui banchi e salutano il loro professore al grido di: “O capitano! Mio capitano!”
Ecco. Quell’attimo è sempre fuggente. Ora più che mai.

 

 

 

Annunci
2 commenti leave one →
  1. 16 marzo 2015 19:24

    Condivido l’osservazione che la riforma mira più alla secondaria che alla primaria è la conseguenza della linea politica che sta dietro la riforma, ossia, migliorare la formazione per favorire la crescita. Sul fatto che basti offrire incentivi agli insegnanti meritevoli, aumentare la responsabilità ( prima del potere in un sistema in cui sei valutato viene la responsabilità) per raggiungere gli obiettivi e ottenere dei risultati non sappiamo. Certo che se non ci sono neppure questi elementi sarà sempre più difficile per le ragioni spiegate nell’articolo ottenerli e misurarli questi risultati. Ma quando vogliamo parlare o proporre quali devono essere questi obiettivi da raggiungere. Inutile dire solo dei no o esprimere solo dei dubbi. Proposte ci vogliono proposte. Propongo di ragionare attorno ad un obiettivo fondamentale il piano dell’offerta formativa per giudicare presidi e docenti.Riusciamo a parlarne?

  2. marilevo permalink
    16 marzo 2015 19:58

    Ho inoltrato a Giancarlo Patrucco questo tuo commento. Data la competenza con cui affronti tematiche piuttosto tecniche sulla scuola, caro Graziano ti inserisco nel tavolo di lavoro provinciale. Credo che possiamo fare tesoro delle tue idee.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: