Skip to content

Vade retro supplente!

25 agosto 2014

La Repubblica.
“Le supplenze fanno male a chi le fa e a chi le riceve”. La battuta, esplicita, è del ministro dell’Istruzione. E segue l’annuncio che il governo sta valutando l’eliminazione dei supplenti della scuola. Stefania Giannini lo anticpia al meeting di Rimini: “Come? Lo vedrete nelle prossime settimane. Cero i supplenti non saranno eliminati fisicamente”. E, a pochi giorni dal Piano scuola, che il premier Matteo Renzi ha annunciato per venerdì prossimo, si ritorna a parlare dei precari. Le supplenze, secondo l’inquilino di viale Trastevere vanno riconsiderate perché si sa già dall’inizio dell’anno scolastico quali sono i posti da sostituire stabilmente. Sembra quindi che la proposta di alcuni sindacati di passare dall’organico di diritto a quello funzionale venga presa in seria considerazione dal governo.

In ballo 160mila precari delle graduatorie ad esaurimento, che potrebbero vedersi aprire le porte di una possibile e più rapida stabilizzazione, e 400mila supplenti delle graduatorie d’istituto che potrebbero essere invece cancellati per sempre dalla mappa del precariato italiano. Per il ministro, sbrogliare la matassa delle supplenze della scuola “significa prendere con molta consapevolezza e determinazione questo aspetto come uno degli aspetti prioritari per una rivisitazione del sistema educativo italiano”. Perché le supplenze non fanno bene né a chi le fa né a chi le riceve. Il fatto è che l’argomento è estremamente complesso. Nella scuola, attualmente, è il cosiddetto organico di diritto – una pianta organica di previsione, calcolata in base alle iscrizioni degli alunni e al trend degli ultimi anni – a comandare tutte le operazioni.

Su questa base si conteggiano i posti per le immissioni in ruolo, mentre le cattedre vacanti vengono assegnate ad altrettanti supplenti. Poi, a settembre, il ministero calcola le reali esigenze della scuola, elabora l’organico di fatto e assegna le eventuali cattedre in più ancora a supplenti. L’organico funzionale – per reti di scuole, con tutta probabilità – dovrebbe assegnare ad un gruppo di istituti dello stesso grado un certo numero di docenti che tenga conto di tutte le esigenze: di insegnamento e delle eventuali supplenze. Una operazione che potrebbe fare ritornare in vita la defunta continuità didattica per le classi: avere lo stesso insegnante, compresi quelli di sostegno, per tutto il percorso scolastico. I docenti dell’organico funzionale, in altre parole, coprirebbero sia le ore di lezione “frontali” sia le supplenze, lunghe e brevi.

Ed è proprio questo il nodo che fa tremare i polsi a migliaia di precari. Per fare fronte alle esigenze delle scuole, oltre ai docenti di ruolo, si dovrebbe coinvolgere una parte dei precari inseriti nelle graduatorie ad esaurimento che, secondo alcune indiscrezioni, potrebbero ottenere incarichi non più annuali ma pluriennali: due o tre anni. E di conseguenza avvicinarsi al ruolo, visto che fino all’assunzione dell’ultimo supplente delle graduatorie provinciali si continuerebbe ad assegnare metà dei posti ai vincitori di concorso e l’altra metà ai precari delle liste ad esaurimento. Ma, con l’organico funzionale, l’utilità delle graduatorie d’istituto verrebbe meno e 400mila precari potrebbero rinunciare per sempre al loro sogno.
TagsArgomenti:scuolaRiforma della scuolaMeeting Cl RiminiProtagonisti:stefania giannini

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: