Skip to content

Perchè votare?

1 ottobre 2012

Abstract dell’articolo di Ilvo Diamanti: “Perchè votare? Un dilemma italiano” Repubblica 1.10.2012

La discrepanza tra partecipazione elettorale e formazione dei governi ha contrassegnato da sempre la storia repubblicana. Nel dopoguerra votare significava scegliere una collocazione di campo dentro lo schema bipolare della guerra fredda, non eleggere un governo (che di default doveva essere democristiano dato l’escludendum comunista). Oggi, dopo il tramonto dello schema maggioritario della seconda repubblica, è ancora e di nuovo così. Gli italiani vogliono votare, ma non scegliere un leader di governo espressione di partito o una coalizione di partiti, perché i partiti hanno perso la credibilità come strumenti della rappresentanza e della decisione politica. Gli italiani vogliono votare, ma vogliono che dopo il voto governi Monti, sopra e contro i partiti. Di nuovo un escludendum, ma non più per ragioni ideologiche, bensì più radicali e fondamentali. Al punto da ipotizzare un punto di non ritorno per la politica italiana e l’aprirsi di scenari che non riusciamo a prevedere.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: