Skip to content

Pietro Ichino |  UNA RIDUZIONE BILANCIATA DELL’INCISIVITA’ DELLA RIFORMA

5 aprile 2012

Il prezzo dell’accordo in extremis tra i due partiti maggiori della maggioranza è consistito in una ulteriore “riduzione bilanciata” dell’incisività della riforma. Sul versante dell’articolo 18, si è riavvicinata la nuova disciplina alla vecchia, ripristinando la possibilità di reintegrazione del lavoratore, a discrezione del giudice, nel caso di licenziamento economico. Sul versante del contrasto al precariato e in particolare all’abuso delle collaborazioni autonome, si è rinviata di un anno l’entrata in vigore della nuova disciplina restrittiva. Colpisce che il Pd abbia accettato di sacrificare gli interessi di un milione e mezzo di outsiders “collaboratori” pur di recuperare un pezzetto della job property degli insiders subordinati regolari. La vicenda conferma in modo impressionante quanto e come il precariato sia l’altra faccia della protezione del lavoro regolare a tempo indeterminato. Detto questo, il disegno di legge resta comunque un passo avanti nella direzione giusta; ma è un passo più piccolo di quel che si era sperato e che sarebbe stato possibile.

via Pietro Ichino |  UNA RIDUZIONE BILANCIATA DELL’INCISIVITA’ DELLA RIFORMA.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: